top of page

L'era del cuore

Un nuovo credo per un mondo sofferente

attraverso le ere della forza, della mente e del cuore


In un’epoca segnata da confusione, conflitti, inquinamento ambientale, sbarchi di essere umani con risvolti disumani, dove nessuno si assume la responsabilità di decidere sul bene comune, è sempre più evidente una mancanza di punti di riferimento intellettuali, politici, religiosi e sociali.

L’articolo si propone di esplorare come il messaggio della speranza, dove la compassione, la relazione e la cura per i nostri simili e per il pianeta diventano pilastri fondamentali per un futuro migliore.

Questa idea mi è sorta dopo aver letto il saggio dello Psicologo Psicoterapeuta e Giornalista Luca Mazzucchelli, “L’era del cuore” e dopo aver visto il bellissimo film di Matteo Garrone “Io Capitano”.

L’articolo proverà a esplorare brevemente le diverse ere del nostro rapporto con il corpo, con un'attenzione particolare all'era del cuore, in un’ottica in cui le neuroscienze si fondono con la filosofia, l’economia, la politica e l’arte, per dar vita a una nuova comprensione di noi stessi.

Le ere della forza, della mente e del cuore rappresentano fasi cruciali nella nostra evoluzione come esseri umani.

L’era della forza

In un passato lontano, la forza fisica era il fondamento della sopravvivenza umana, i nostri antenati hanno dovuto imparare ad usare i loro corpi per cacciare, difendersi e costruire.

L'era della mente

Con l'evoluzione delle società umane, la forza fisica ha ceduto gradualmente il passo all'ingegno mentale. L'era della mente è stata un'epoca di profonda riflessione, innovazione e scoperta scientifica. Le neuroscienze hanno cominciato a svelare i misteri del cervello umano, mostrandoci che il corpo e la mente sono intricatamente connessi.

L'era del cuore

E’ il tempo in cui compassione e amore guidano le nostre azioni, trasformando il mondo in gentilezza.

Quest'era non nega né la forza fisica né l'ingegno mentale, ma pone l'accento sulla connessione tra esse attraverso l'elemento emotivo.

Le neuroscienze hanno dimostrato che le emozioni sono riflesse nel nostro corpo e nel nostro cervello e sono responsabili del nostro benessere fisico e mentale, influenzano il battito cardiaco, la respirazione e persino la percezione del dolore. Questo collegamento tra corpo e mente ci ricorda che siamo esseri complessi, in cui l'armonia tra emozioni, pensieri e azioni è essenziale per una vita appagante.

È un invito a esplorare il nostro mondo interiore, a coltivare l'amore e la compassione per noi stessi e gli altri, e a vivere con una consapevolezza che abbraccia tutte le dimensioni della nostra umanità.

Speranza come punto di riferimento

È un'energia che ci unisce nella ricerca di soluzioni comuni e positive ai problemi globali, non è passiva, è un'azione concreta. Ci spinge a impegnarci per il bene comune, a lavorare insieme per un futuro sostenibile e prospero. La speranza ci ricorda che, nonostante le sfide apparentemente insormontabili, possiamo fare la differenza.

Connettersi al cuore della natura

L'inquinamento ambientale è una minaccia crescente, abbiamo bisogno di connetterci profondamente con la natura riconoscendo che siamo parte integrante dell'ecosistema terrestre per creare una relazione più armoniosa con il pianeta. La cura per la Terra diventa una manifestazione concreta del nostro amore e della nostra responsabilità.

Essere compassionevoli nell'affrontare i conflitti

I conflitti sono una triste costante nella storia umana. La comprensione, la mediazione e il dialogo diventano strumenti potenti per risolvere le dispute senza violenza. La guerra è spesso alimentata da interessi economici e geopolitici, ma si può scegliere di privilegiare la diplomazia e la cooperazione.

La disuguaglianza è un cancro sociale che richiede politiche volte a redistribuire la ricchezza e garantire una vita dignitosa per tutti. Impegniamoci per un'economia più equa e sostenibile che tenga conto delle generazioni future

Immigrazione e sbarchi clandestini: l'empatia come risposta

La crisi migratoria e gli sbarchi clandestini sono fenomeni complessi. Dobbiamo sforzarci di comprendere le storie e le sofferenze degli altri attuando politiche più umane e sostenibili che affrontino le cause profonde della migrazione

Il cuore diventa il centro simbolico della connessione umana.

La scienza ha dimostrato che il cuore oltre che essere una pompa per il sangue è un'antenna emotiva che riceve e trasmette segnali di emozioni e intenzioni.

L'umanità ha bisogno di un profondo cambiamento interiore, di un uomo nuovo, di una persona che abbraccia l'empatia, la gentilezza e la solidarietà come principi guida. In ultima analisi, di una trasformazione collettiva.

451 visualizzazioni5 commenti

Post recenti

Mostra tutti

5 comentarios


Sono molto contento di avere avuto accesso a questo blog che trovo interessante e innanzitutto responsabile.

Ho letto un po’ di articoli e sono entusiasta,complimenti all’autore

Me gusta

Maradona Cuore e passione ovvero mix perfetto ciao Saverio

Me gusta

Maradona Cuore e passione mix perfetto

Me gusta

borgiale
borgiale
10 oct 2023

Saverio é molto bello che scriva queste cose. Scritte così semplicemente sembrano anche di facilissima realizzazione, Credo che chi ti legge condivida questo pensiero. Il problema é far migrare questi concetti al di fuori della cerchia di persone che già sono su questa lunghezza d' onda. Aiutiamoci ad estendere questo pensiero laddove ancora é la forza a fare da padrone o laddove il raziocinio senza cuore é diventato prevaricazione senza scrupoli sul più debole da tutti i punti di vista: economico, sociale, politico, ambientale (ambiti strettamente connessi e derivanti dalla vittoria del capitale sull' uomo).

Aiutiamoci a capire come attuare l' ingresso in questa nuova era. Affinché la speranza non resti un' astrazione passiva e non uno stimolo al cambiamento.

Me gusta

se soltanto la metà dell'umanità facesse sue queste parole...

Me gusta
bottom of page