top of page

Maradona, Liberato il terzo scudetto

Aggiornamento: 20 set 2023



Diego Maradona, considerato un mito non solo dai napoletani, ma da moltissimi appassionati di calcio in tutto il mondo, riveste un’ importanza che va ben oltre il campo di calcio.


Perché Maradona è considerato un'icona ed un eroe per Napoli?

Quando arrivò a Napoli nel 1984, la squadra era considerata mediamente competitiva ma

grazie alle sue abilità straordinarie, riuscì a guidare il Napoli fino alla conquista di due scudetti della Serie A nel 1987 e nel 1990 e una Coppa Uefa.

La sua presenza fece accrescere il prestigio e l'orgoglio della città, trasformando il club in una potenza calcistica e lasciando un'impronta indelebile nel Napoli calcio e nella città.

Il primo scudetto, la conquista del primo titolo di campione d'Italia nella storia del Napoli nel 1987, fu un evento epico per i napoletani. Maradona fu l'eroe indiscusso di quella squadra e il suo contributo fu fondamentale per il successo del club.

Per molti napoletani quel trionfo rappresentò l'affermazione e finalmente il riscatto della città, che soffriva da sempre di una compromessa condizione sociale e di stereotipi negativi. Si parla degli anni ‘80, che ereditavano gli abusi edilizi di “Mani sulla città” di Francesco Rosi e la vergogna del colera; anni che dovevano fare i conti con le conseguenze del devastante terremoto del 1980. In quel periodo, infine, si doveva subire il potere particolarmente tracotante del nemico di sempre: la Camorra.

In questo scenario irrompe Maradona. Il più grande giocatore di calcio al mondo, con un talento eccezionale e una tecnica straordinaria, che si esprimeva nei suoi dribbling, nei suoi assist, nei suoi gol, alcuni semplicemente straordinari. Ogni volta che toccava il pallone, si accendeva nel pubblico l'aspettativa che potesse accadere qualcosa di magico. E spesso accadeva davvero! Quel rettangolo verde con lui in campo si illuminava di una luce speciale, che ti catturava e non ti mollava fino alla fine della partita. Questo suo modo di giocare al calcio accendeva la passione in un popolo che aveva da sempre una particolare confidenza con questo sentimento, esagerato per definizione. Il suo gioco era straordinariamente creativo e toccava un tasto altrettanto familiare alla cultura napoletana: la creatività.

La magia di essere e di restare connesso con chi assisteva alle sue gesta, si può spiegare con il combinato esplosivo di passione e creatività.


Maradona non era solo un grande atleta, ma si identificava con le persone di Napoli, spesso socialmente emarginate e trascurate. Il suo atteggiamento combattivo, la sua personalità carismatica e il suo impegno fuori dal campo per le cause sociali hanno reso Maradona un simbolo di speranza e di orgoglio per i napoletani.

Per spiegare le ragioni del legame che unisce Napoli a Maradona, accanto alla passione e alla creatività, aggiungiamo anche la solidarietà. El pibe de oro rappresenta per la città all’ombra del Vesuvio un'icona sportiva che lascia a Napoli anche un'eredità culturale.

L’avvento del terzo scudetto porta aria nuova e consolida questi elementi iconoclastici di Maradona. Napoli sta vivendo oggi un momento magico, sempre piena di turisti la città ha assunto un’atmosfera particolare attraverso forme di espressione come: canzoni, murales, poesie e opere d'arte create in suo onore.

Queste espressioni artistiche rappresentano la forza e la resilienza del popolo napoletano.

A distanza di decenni il nome di Maradona è evocato con passione e ammirazione.

Il mito di Maradona può essere considerato un'opportunità per insegnare ai ragazzi diversi valori e lezioni di vita importanti. Egli ha dimostrato come l'impegno, la dedizione e il talento possono portare al successo. Incoraggiare i ragazzi a coltivare le proprie passioni e il talento, può essere un insegnamento importante per credere nelle cose che amano fare.

In un momento di forte individualismo il potere della connessione e del lavoro di squadra è un valore importante, che non mette da parte il talento individuale.

Maradona, un leader carismatico che riusciva a ispirare e motivare i suoi compagni di squadra, non avrebbe mai potuto portare tale successo al Napoli senza l'apporto di tutto il team.

Maradona e l’Etica

Malgrado il suo grande talento, Maradona è stato coinvolto in alcune controversie legate all'etica sportiva, come la cosiddetta "mano de Dios" durante la Coppa del Mondo del 1986.

Queste situazioni hanno messo in discussione l'importanza dell'integrità, dell'onestà e del rispetto delle regole nel contesto sportivo e nella vita in generale.

Tuttavia questi aspetti non hanno scalfito l’impatto sociale che Maradona è riuscito ad avere, il ruolo che ha assunto in varie cause umanitarie e sociali durante la sua vita.

Utilizzava la propria fama influenzando gli eventi che riteneva importanti e sostenendo cause positive.

La sua vita è stata sempre una corsa ad ostacoli, ha affrontato diverse sfide e difficoltà, che è riuscito spesso a superare grazie ad una eccezionale determinazione, una non comune capacità di resilienza e di adattamento a circostanze avverse, che sovente riusciva a cambiare di segno grazie alla sua eccezionale creatività


Maradona e il cantante Liberato

Maradona e Liberato sono diventati icone popolari nel loro contesto.

Entrambi hanno raggiunto un'enorme popolarità e hanno raccolto un seguito di fan devoti.

Sono figure che sono riuscite a toccare il cuore di molte persone, sia attraverso il calcio (nel caso di Maradona) che attraverso la musica (nel caso di Liberato).

Maradona è stato un simbolo per la città di Napoli, incarnando l'identità, la passione e l'orgoglio dei napoletani. La sua immagine, i suoi riccioli neri, lo sguardo furbo e intenso, con occhi grandi da sognatore dello stesso colore, il suo numero 10, hanno dato vita ad un’icona eterna che si è aggiunta al Pantheon napoletano. Lo troviamo sui banchi di San Gregorio Armeno, insieme a Pulcinella, Totò, Eduardo, Troisi, Pino Daniele…

Liberato rappresenta la Napoli di oggi attraverso la sua musica e il suo stile unico, come unica e geniale è la sua scelta di non svelare la sua identità. Compare con una felpa il cui cappuccio nasconde il suo viso, generando mistero e curiosità.

Entrambi hanno contribuito a dare visibilità alla cultura napoletana e ad affrontare tematiche sociali ed emotive legate alla città.

Liberato si è guadagnato un seguito appassionato attraverso la sua musica, che esplora temi come l'amore, la sofferenza e il mistero della sua identità.

Entrambi hanno saputo toccare le corde emotive del loro pubblico.

Sebbene Maradona sia noto principalmente per il suo contributo nel calcio e Liberato per la sua musica, entrambi sono riusciti a connettersi con le persone attraverso la loro arte, ispirando, influenzando e diventando punti di riferimento per i loro fan.

La vittoria del terzo scudetto può essere vista come un omaggio al glorioso passato del Napoli, compresa l'era di Maradona, come una celebrazione della cultura e dell'identità napoletana; Liberato, come artista, potrebbe contribuire oggi con la sua musica, ad amplificare l'entusiasmo e le emozioni dei napoletani in una sorta di equilibrio e di massima energia positiva, con un effetto di risonanza su tutta la città.


Napoli e il futuro

Napoli è una città con una ricca storia culturale e una vibrante energia che affascina molte persone, dal punto di vista energetico, è una città con una forte identità e passione.

La sua energia deriva da una ricca cultura, dalla tradizione artistica e musicale, dalla cucina unica e dalla vivace vita di strada, un luogo in cui la gente vive intensamente; l'arte, la musica e il calcio svolgono un ruolo importante.

Per quanto riguarda il futuro di Napoli, è difficile fare previsioni.

Tuttavia, molte città stanno lavorando per migliorare la qualità della vita dei loro cittadini, promuovere lo sviluppo sostenibile e creare opportunità economiche, Napoli potrebbe continuare a crescere e adattarsi alle sfide e alle opportunità che il futuro presenta.

Il futuro di una città dipende da molte variabili, come le decisioni politiche, gli investimenti, le sfide ambientali e sociali, l'impegno delle autorità locali e della comunità nel perseguire una visione condivisa per il futuro.

Napoli ha un grande potenziale grazie alla sua cultura, alla sua posizione geografica e alla sua ricchezza storica. Il suo futuro potrebbe essere il risultato di un giusto equilibrio tra la conservazione delle sue radici culturali e l'adozione di iniziative innovative per affrontare le sfide del mondo moderno. Lavorare verso l'equità sociale, la sicurezza, l'inclusione, la tutela ambientale, la valorizzazione della diversità culturale e l'accesso alle opportunità può promuovere la valorizzazione di Napoli e dei napoletani.

225 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti

L'era del cuore

bottom of page